Daniel-Kahneman
DECISION MAKING

Daniel Kahneman

Premio Nobel per l’economia e padre dell’economia comportamentale

Daniel Kahneman è uno dei più importanti leader di pensiero nel campo della psicologia e dell’economia. Nel 2002 è stato insignito del Premio Nobel per il suo lavoro sull’economia comportamentale, sulla psicologia del giudizio e sui processi decisionali. É stato nominato due volte nella lista Bloomberg delle 50 persone più influenti nel mondo della finanza, è stato riconosciuto come uno dei Top Global Thinkers dal magazine Foreign Policy, e nominato nella top ten degli economisti più influenti al mondo dal The Economist. È inoltre autore del bestseller Thinking, Fast and Slow.

Kahneman ha dedicato gran parte della sua vita e del suo lavoro all’economia comportamentale, la scienza che studia i processi decisionali. Le sue scoperte empiriche hanno sfidato i presupposti della natura della razionalità umana prevalente nella moderna teoria economica. Insieme ad Amos Tversky e altri, Kahneman ha stabilito una base cognitiva per i comuni errori umani dovuti alle euristiche e ai pregiudizi e ha sviluppato la teoria del prospetto.

È Professore Emerito di Psicologia e Public Affairs alla Woodrow Wilson School della Princeton University. È co-fondatore di TGG Group, una società di consulenza di business e filantropia. Nel 2001 è stato eletto membro della National Academy of Sciences. Il suo bestseller Thinking, Fast and Slow, che riassume gran parte della sua ricerca, ha vinto il National Academy of Sciences Communication Award per il miglior libro. Nel 2013 il Presidente Barack Obama ha consegnato a Kahneman la Presidential Medal of Freedom.

La psicologia del giudizio intuitivo e delle scelte
  • Rivelare i bias che impattano sulle decisioni che prendiamo e sviluppare strategie per superarli
  • Il ruolo dell’intuizione nel processo di decision making: quando affidarci all’intuito e quando fermarsi a riflettere
  • Perchè alcune persone sono più avverse al rischio rispetto ad altre: analizzare il livello ottimale di rischio quando prendiamo decisioni
  • La psicologia del decision making in situazioni di alta pressione e stress